La calvizie rappresenta un problema estetico di non poco conto, in grado di compromettere la vita sociale di chi ne è affetto e influire sull’autostima. A determinare l’insorgere del problema possono essere diversi fattori tra i quali non si esclude una componente genetica, l’invecchiamento e lo stress.

Per porvi rimedio c’è chi ha scelto di ricorrere al trapianto di capelli con interventi di chirurgia estetica e chi invece ha optato per procedure ambulatoriali. Negli ultimi anni, tra quelli più richiesti ed eseguiti della medicina estetica per contrastare la calvizie, troviamo la carbossiterapia.

Il trattamento dal potere rigenerante sfrutta l’azione di anidride carbonica, un gas naturale e atossico, per ridurre la caduta dei capelli. Eseguendo infatti delle piccole iniezioni di CO2 sul cuoio capelluto, la carbossiterapia produce un aumento dell’ossigenazione dei tessuti e dell’accelerazione della micro-circolazione stimolando così la crescita dei capelli.

L’anidride carbonica ha proprietà angiogenetiche, ossia favorisce la formazione di nuove reti vasali ampliando così la disponibilità di ossigeno e di altre sostanze utili al cuoio capelluto. Allo stesso tempo, il CO2 promuove la vasodilatazione e dunque migliora l’afflusso di sangue nell’area sottoposta al trattamento.

La procedura si esegue in seduta ambulatoriale e prevede l’infiltrazione della sostanza tramite un ago di ridotto spessore. Nel corso del trattamento il paziente non avvertirà alcun fastidio particolare e al suo termine l’area dell’infiltrazione si presenterà arrossata per alcuni giorni.

Per ottenere dei risultati progressivamente visibili, è però necessario completare il ciclo di sedute di carbossiterapia stabilite dal medico. In media si contano dalle sei alle otto infiltrazioni con cadenza settimanale.

Per sottoporvi ad un trattamento di carbossiterapia per calvizie a Roma potete rivolgervi al Prof. Rauso Raffaele.

Hai bisogno di assistenza? Clicca qui e parla con noi
 Presto il consenso al trattamento dei miei dati personali per gestire la richiesta di contatto. Leggi l'informativa