Sguardo spento e apparentemente sempre stanco: l’inestetismo che contribuisce spesso a dare agli occhi questo aspetto è quello delle occhiaie. Il correttore serve a poco quando si presentano particolarmente incavate e scure mentre, la medicina estetica può rappresentare la giusta soluzione per attenuarle.

In particolare, una procedura che negli ultimi tempi trova notevole consenso per la correzione delle occhiaie è il filler a base di acido ialuronico. Esatto! Parliamo proprio del noto trattamento estetico al quale si ricorre per donare volume e nuova bellezza al nostro viso e non solo.

Il trattamento rappresenta infatti un rimedio per contrastare l’evidenza delle occhiaie, permettendo di ridurre la lunghezza verticale della palpebra inferiore.

La procedura è indicata non solo se l’occhiaia è risultato di un invecchiamento cutaneo, ma anche se tale inestetismo è di origine genetica o dipende dalla presenza di poco tessuto adiposo in prossimità della palpebra inferiore, producendo il cosiddetto “occhio scavato”.

Di conseguenza il filler può essere eseguito anche su pazienti giovani. Ma come si esegue il trattamento a base di acido ialuronico per le occhiaie?

Il medico esegue l’infiltrazione di acido ialuronico sopra la cornice orbitale inferiore, l’area svuotata che determina l’evidenza delle occhiaie. Per la procedura, si utilizza una piccola cannula inserita fino al periostio, ossia una membrana che ricopre l’osso.

Depositare l’acido ialuronico nella parte sotto periostale, permette non solo di ridurre la lunghezza verticale palpebrale inferiore, ma anche di aumentare i tempi di permanenza della sostanza e quindi prolungare i risultati.

Il camouflage delle occhiaie può infatti durare fino a 3 anni.

Per sottoporvi al trattamento di filler delle occhiaie a Roma potete rivolgervi al Prof. Rauso Raffaele.

Hai bisogno di assistenza? Clicca qui e parla con noi
 Presto il consenso al trattamento dei miei dati personali per gestire la richiesta di contatto. Leggi l'informativa