Il lifting è l’operazione d’eccellenza per riscoprirsi giovani e belli e per dire addio ai comuni segni dell’invecchiamento del viso come rughe e pelle poco tonica.

I risultati offerti dall’intervento sono naturali e armonici ma cosa c’è da aspettarsi nella fase precedente?

Spesso si sottovaluta l’importanza della fase di degenza che rappresenta un periodo essenziale per la corretta guarigione dei tessuti e per assicurarsi un risultato ottimale dell’operazione.

Ebbene, parlando di lifting ecco alcune cose da sapere.

  1. L’importanza delle medicazioni

Al termine del lifting, il chirurgo applica sul volto un bendaggio compressivo, utile per ridurre il normale gonfiore post operatorio. Questa prima medicazione è rimossa generalmente la mattina successiva dell’intervento per essere poi sostituita da una guaina a compressione elastica che dovrà essere indossata ogni giorno per circa una settimana. Successivamente il suo utilizzo si ridurrà alle sole ore notturne.

  1. Cura e attenzione per le suture

Nei giorni successivi all’operazione è importante sottoporsi ai controlli stabiliti dal chirurgo, necessari per monitorare lo stato di guarigione delle suture ed evitare rischi di errata cicatrizzazione. Anche per questo motivo, il paziente deve evitare l’esposizione al sole nelle successive settimane ed evitare di sollecitare in qualsiasi modo le aree caratterizzate da suture.

  1. Gonfiore ed edemi? Niente paura!

Una volta rimossa la guaina compressiva nei giorni successivi il viso potrebbe apparire ancora gonfio e caratterizzato da qualche edema. Niente paura! Il nostro corpo necessita di tempo per guarire e quello che bisogna fare è aspettare e restare a riposo.

Per richiedere l’operazione di lifting del viso a Roma potete rivolgervi al Prof. Rauso Raffaele.

 

Hai bisogno di assistenza? Clicca qui e parla con noi
 Presto il consenso al trattamento dei miei dati personali per gestire la richiesta di contatto. Leggi l'informativa