Il profilo di un viso è perfetto se naso, labbra e mento sono proporzionati tra loro. Ma cosa si può fare se proprio il mento risulta eccessivamente pronunciato o sfuggente?

Questa parte del nostro volto può costituire un elemento discordante con le proporzioni e le forme facciali e perciò per correggerlo si ricorre spesso alla chirurgia plastica. In particolare, l’operazione eseguita per il mento è la mentoplastica riduttiva o additiva.

Nel primo caso si tratta della procedura indicata in presenza di un mento troppo pronunciato. La mentoplastica riduttiva, eseguita in anestesia locale con sedazione, prevede il rimodellamento dell’osso dell’area mentoniera per ridurne la proiezione. Il chirurgo esegue incisioni nel cavo orale per procedere alla levigatura o asportazione di una sezione dell’osso mandibolare. Una volta completato l’intervento provvede alla medicazione dell’area.

E per un mento sfuggente?

Una procedura chirurgica particolarmente indicata per la correzione di un mento poco definito e retratto è la mentoplastica con protesi in silicone. Attraverso l’inserimento di un impianto protesico, l’intervento, eseguito anche esso in anestesia locale con sedazione, permette infatti di ridefinire forma e proiezione del mento. Il chirurgo esegue un’incisione all’interno della cavità orale, per inserire e posizionare la protesi.

Non si escludono infine casi più complessi nei quali il mento sfuggente è il risultato di un problema mandibolare e pertanto per correggerlo non si ricorre alle protesi ma ad intervento di chirurgia ortognatica che prevede il riposizionamento della sinfisi mandibolare.

Per sottoporvi ad un intervento di mentoplastica a Roma potete rivolgervi al Prof. Rauso Raffaele.

Hai bisogno di assistenza? Clicca qui e parla con noi
 Presto il consenso al trattamento dei miei dati personali per gestire la richiesta di contatto. Leggi l'informativa